Maristella

Succede all’improvviso. Vivi la tua vita come lo scorrere di un fiume in piena, quando ad un tratto ti ritrovi scaraventata in alto mare, senza più la protezione di quegli argini, senza difese, in balia di uno spazio infinito. L’orizzonte è irraggiungibile e rivela l’illusione di un sogno svanito come una bolla di sapone.

Ero immersa in un silenzio assordante. Il nemico numero uno di qualsiasi creatura vivente era entrato prepotentemente nella mia vita senza preavviso come un ladro e con l’unica arma subdola, invasiva e distruttiva che aveva a disposizione. Voleva portarsi via la cosa più cara e più bella che avevo ricevuto in dono, separarmi dalla mia famiglia, dai miei affetti, dalla vita stessa.

Dentro di me cominciavano a farsi spazio la paura, la rabbia, l’incertezza di non vedere crescere le mie piccoline, di non poter essere presente nelle loro gioie e non poterle sostenere e incoraggiare nelle fatiche, nelle delusioni…

Com’è  possibile? Quante volte mi sono chiesta dove fosse Dio. Lui che dispone di tutto, del tempo e dello spazio….proprio Lui .

Piano piano la paura si trasformava in attesa, si fa spazio la speranza di sentirmi dire “sei guarita”, il desiderio di rivivere a pieno ogni cosa.

Il tempo è stato un grande medico, pian piano ho imparato a elaborare tutto questo, dando frutto al coraggio, il coraggio di credere a quella frase, ” tu sei guarita”.

  • Fotografo: Luigi Cataldo
  • In Collaborazione con: Associazione "Cuore di Donna"